previous arrow
next arrow
Slider

In questi momenti penso che se fossi un grande fan di Dean Koontz, Stephen King o della collana Harmony sarei più spesso felice, infatti più spesso mi capiterebbe di aprire un nuovo libro del mio autore preferito, ma tant’è Bret Easton Ellis non è molto prolifico e dobbiamo tenercelo così, è d’altra parte vero che i suoi scritti sono tanto rari quanto sorprendenti.
Alla luce di questo quelle poche volte che mi sono trovato davanti ad un suo nuovo romanzo ho sempre cercato di gustarmi ogni riga leggendolo possibilmente più lentamente degli altri per coglierne ogni sfumatura ma questa volta non ci sono riuscito, sono rimasto invischiato anch’io dalle vicende che succedono a Clay e me lo sono volato tutto in una settimana netta.
La narrazione, per chi non avesse letto il mio post precedente, è il seguito dopo venticinque anni di Meno di Zero scritto però in prima persona in cui il protagonista, anche questa volta, torna a Los Angeles per i provini di un film di cui cura la sceneggiatura, ritrova i suoi vecchi amici, anzi conoscenti, e si ritrova non si sa quanto casualmente implicato in vicende non troppo gradevoli.
E’ stato tavolgente come sempre e come spesso accade nei romanzi di Bret Easton Ellis l’incedere delle vicende dal ritmo tranquillo iniziale è diventato sempre più incalzante fino poi a fermarsi in maniera inaspettata, ma grandiosa, nelle ultime disorientanti pagine.
E proprio qui secondo me sta la vera grandezza di questo romanzo, infatti nonostante avessi approcciato quasi con timore la lettura, proprio per paura di essere sopreso da situazioni spiazzanti e terribili, intrappolato dal vortice degli eventi ci sono caduto dentro senza accorgermene. E mi sono scottato.
Forse Imperial Bedrooms è meno sorprendente di tutti gli altri libri di Ellis, sicuramente non mi sentirei di etichettarlo come generazionale al pari della prima puntata ma è scritto e costruito in maniera perfetta, lo scrittore è stato poi bravo a ricalare gli stessi personaggi 25 anni dopo in una realtà che da quella feste del liceo è diventata quella dei messaggi sull’Iphone.

Write A Comment

Pin It